artefemminismifotografialgbtq+

Catherine Opie

Catherine Opie artista statunitense
Catherine Opie fotografa e artista statunitense che vive e lavora a Los Angeles.
È nata a Sandusky, Ohio, il 14 aprile 1961. Si è laureata al San Francisco Art Institute e fatto un master al California Institute of the Arts. Dal 2001 insegna all’Università della California, a Los Angeles.Ha iniziato a fotografare a nove anni per un reportage scolastico sul lavoro minorile. Sin da allora ha capito che voleva diventare una fotografa documentarista.

Nei suoi lavori vede l’opportunità di esplorare la sua sessualità all’interno di una comunità solidale costruita sull’empatia condivisa dai suoi membri che le consente di riconciliare non solo la propria omosessualità in relazione alla sua carriera, ma anche approfondire la natura multiforme del desiderio e di come questo sia collegato alla nozione di identità.

Le sue immagini documentano e danno voce ai fenomeni sociali nell’America di oggi, soffermandosi sugli atteggiamenti e le relazioni delle persone con se stesse e con l’altrui, e il modo in cui occupano il paesaggio.

Molte delle sue opere catturano l’espressione dell’identità individuale attraverso gruppi (coppie, squadre, folle) che trapelano la sua personale esplorazione sotterranea nei confronti dei soggetti ritratti.

Ha ricevuto molti prestigiosi premi. Le sue opere sono state ospitate in importanti mostre in tutti gli Stati Uniti: Boston, Los Angeles, al Guggenheim di New York, Chicago, Minneapolis…

Catherine Opie ha trascorso più di tre decenni a esplorare l’identità attraverso soggetti queer, paesaggi urbani e naturali, comunità temporanee, politica e critica iconografica.

È un’artista ancora molto poco conosciuta in Italia che ha spesso scandalizzato con le sue immagini crude, col suo corpo politicamente ‘sgraziato’ e dissidente che usa come strumento per denunciare il suo dissenso e critica alla società contemporanea.

Affronta argomenti di grande attualità che vanno dai pregiudizi contro le minoranze alla rinascita della supremazia bianca; dalle leggi sulle armi al patriottismo estremo; dalla crisi ambientale  all’impatto dello sviluppo industriale. Lo fa con una grande dose di umorismo e di elementi surreali. Descrive ironicamente come la natura va avanti per i fatti suoi mentre l’umanità è persa in lotte intestine.

Pone grande interesse per il ruolo che gli stereotipi giocano nella costruzione dell’identità personale perché è il modo in cui si formano i giudizi.

Catherine Opie è un’artista molto interessante che osa, si mette in prima linea nella sua ricerca, non si nasconde e, pur essendo spesso molto criticata, va avanti per la sua esplorazione.

 

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Ghada Amer artista femminista egiziana
arte

Ghada Amer

La storia dell’arte è stata scritta dagli uomini, in pratica e in teoria. ...
Amanda Lear
arte

Amanda Lear

Amanda Lear è una musicista, attrice, pittrice, modella francese naturalizzata britannica. È un’artista ...

Comments are closed.

More in arte

Rosaria Iazzetta artista
arte

Rosaria Iazzetta

Rosaria Iazzetta è artista e insegnante, un orgoglio tutto partenopeo anche se in ...
Hyuro, street artist
arte

Hyuro

Tamara Djurovic in arte Hyuro è stata una grande protagonista dell’arte urbana internazionale. ...