africaattualitàconvivenzasfide

Mareme Cisse, la chef che vince tutto

Mareme Cisse cuoca senegalese
Mareme Cisse è la chef che gestisce il ristorante Ginger People&Food a Agrigento.
Col suo moussor invece del classico cappello da chef, i suoi piatti raffinati e gustosi che rappresentano un’evoluzione contemporanea e contaminata della tradizione, è diventata un personaggio noto al grande pubblico dopo aver vinto varie competizioni gastronomiche, tra cui un famoso cooking show.
Arrivata in Sicilia dal Senegal per ricongiungersi al marito, per molti anni si è divisa tra lavori saltuari e precari al mercato e nella ristorazione.
Nel 2012, quando il coniuge è rientrato in patria, ha deciso di rimanere a Agrigento con i suoi quattro figli, vari problemi con il permesso di soggiorno e la voglia di costruire un futuro in maniera indipendente.
Preparava delizie senegalesi per l’aperitivo in un locale quando è stata scoperta dal presidente della cooperativa sociale Alkharub di cui è entrata a far parte e, dopo poco, è diventata la cuoca e poi la manager del ristorante Ginger People&Food, creato per diffondere culture gastronomiche diverse e di qualità e formare e avviare professionalmente persone in condizioni di svantaggio.
Nel 2017 si è aggiudicata il premio per la ricetta più originale al Couscous Fest di San Vito Lo Capo. 
L’anno seguente ha vinto il Premio Bezzo, per una ristorazione sostenibile da un punto di vista ambientale, economico e sociale. Guadagnando questa onorificenza, la sua cucina ha fatto vincere alla città di Agrigento un assegno di ricerca sulla qualità dell’alimentazione percepita sul territorio, condotta dall’Università di Palermo.
Ottima cuoca e intraprendente imprenditrice, è andata sempre più in alto, nel 2019 ha vinto il World Couscous Championship di San Vito Lo Capo, competizione mondiale in cui ha rappresentato il Senegal con il Couscous di Falilou, che è il nome di suo figlio.
Inarrestabile, l’anno successivo, ha vinto anche Cuochi d’Italia di Tv8 sbaragliando chef provenienti da tutto il mondo.
Mareme Cisse, oltre a dirigere il ristorante, tiene corsi di cucina ed è impegnata per l’inserimento lavorativo di donne e giovani rifugiati o in condizione di fragilità.
Nei suoi piatti la tradizione senegalese si mescola con specialità siciliane in un gustoso e innovativo mix di culture e sapori.
Lo spirito che anima il mio lavoro è consapevole della necessità di costruire una società multiculturale, colorata e aperta verso il futuro. Il mio sogno è far nascere tanti altri Ginger. Quando i miei figli saranno adulti e autonomi, mi piacerebbe tornare in Senegal e aiutare le donne lì. Credo nell’immigrazione di ritorno. A un certo punto alcune persone restano nel paese che le ha accolte, altre rientrano. Le difficoltà a realizzare progetti in Africa ci sono, ma se ci credi davvero vai avanti.
Mareme Cisse è un bellissimo esempio di come è possibile e auspicabile convivere e contaminarsi, nella nostra società sempre più abitata da persone provenienti da diversi paesi.
Mescolare culture, gusti, colori e sapori porta bellezza e elimina barriere e diffidenze.
#unadonnalgiorno

You may also like

Moira Millan indigena mapuche
attivismo

Moira Millán

Mi è toccato essere donna indigena nel peggiore dei paesi dell’indo America. In Argentina ...

Comments are closed.

More in africa

Angélique Kidjo
africa

Angélique Kidjo

Angélique Kidjo è una cantautrice, attrice e attivista beninese. Quattro volte vincitrice del ...
Doria Shafik femminista egiziana
africa

Doria Shafik

Doria Shafik è stata una delle principali leader del movimento di liberazione delle donne ...