diritti umanimusica

Tracy Chapman

Tracy Chapman
American singer-songwriter Tracy Chapman, 1988. (Photo by Dave Hogan/Hulton Archive/Getty Images)

Tracy Chapman, cantautrice statunitense intensa e raffinata.

Una musicista che si differenzia dalla schiera delle grandi star per la sua umiltà e per il suo impegno nel sociale.

Nata a Cleveland il 30 marzo 1964, è probabilmente la cantautrice nera folk più importante dagli anni Ottanta in poi, grazie ai temi delle sue canzoni e alla sua voce ruvida e profonda.

Fin da piccola, suona vari strumenti musicali, tra cui la chitarra acustica.

Si laurea, grazie a una borsa di studio, alla Tufts University, in Antropologia e Cultura Afroamericana.

È proprio all’università che si appassiona alla cultura folk e comincia a esibirsi da sola, con la sua chitarra, prima per strada e poi nei locali. Viene notata da un collega che le presenta il padre Charles Koppelman, della casa discografica indipendente Sbk.

È grazie a lui che pubblica il suo primo disco, dal titolo Tracy Chapman, nel 1988. Il successo arriva subito e riceve consensi unanimi di critica e di vendite. Fonde ritmi afro, folk e rock a testi toccanti che raccontano storie di povertà e marginalità delle periferie americane.

Il suo stile impegnato e confessionale diventa immediatamente un caso e il disco venderà 20 milioni di copie in tutto il mondo.

Tracy Chapman, lontanissima anni luce dalle musiciste sue contemporanee, nei patinati anni ’80, sceglie una strada del tutto personale, con umiltà, nel suo modo schivo di vivere e esibirsi.

Affronta i problemi dell’America nera di periferia:  disoccupazione, violenza familiare, difficoltà a ricevere i sussidi per vivere, un desolato affresco di sobborghi malfamati e di polizia che arriva sempre troppo tardi, con il suo stile unico, gentile e delicato. Le sue canzoni, pur toccando temi di estrema sofferenza e degrado, non sono mai eseguite in maniera rabbiosa, aggressiva, ma con un personalissimo stile intimista, con la sua voce profonda, malinconica e androgina.

Viene subito considerata una voce autorevole in tema di diritti umani e lotta all’apartheid.

Il successo mondiale arriva già negli anni ottanta, anche grazie alla partecipazione a attività benefiche come il famoso tour Human Rights Now! organizzato da Amnesty International in giro per il mondo, i concerti per il settantesimo compleanno di Nelson Mandela e il One Love – All Star tribute dedicato a Bob Marley, in cui ha duettato con il figlio Ziggy.

In tutti i suoi lavori scaturisce un vivido quadro di povertà economica o morale della società americana nei confronti della popolazione nera.

L’ingiustizia descritta nelle sue canzoni appare talmente priva di risoluzioni che persino l’amore, cui aggrapparsi disperatamente per tirare avanti, è tutt’altro che consolatorio. Negli album successivi seguiranno tematiche più universali e politiche.

Tracy Chapman ha inciso, ad oggi, otto album in studio, più varie raccolte, venduto milioni di dischi, vinto numerosi Grammy e tanti premi.

Nonostante il suo enorme successo e la grande considerazione generale per il suo impegno nelle battaglie per i diritti umani, ha conservato il suo tipico atteggiamento umile, schivo, riservato.

Continua a vivere nella sua Cleveland, in Ohio, e cerca di tenere la stampa fuori dalla sua vita personale.

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Debbie Harry
attivismo

Debbie Harry

Debbie Harry è la cantautrice, attrice e attivista statunitense arrivata al successo internazionale ...
Giovanna Marini
cultura

Giovanna Marini

Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice etnomusicale e folklorista italiana, è una colonna portante ...

Comments are closed.

Stephanie Welsh
africa

Stephanie Welsh

Stephanie Welsh è stata la fotografa che ha fatto conoscere al mondo occidentale ...
Michaela DePrince
danza

Michaela DePrince

Michaela DePrince è una meravigliosa stella della danza. È la più giovane ballerina ...