diritti umanimusica

Cass Elliot dei Mamas and Papas, vittima di body shaming

Cass Elliot
Singer "Mama" Cass Elliot of the Mamas and the Papas. (Photo by Henry Diltz/Corbis via Getty Images)

Cass Elliot, conosciuta con lo pseudonimo di Mama Cass, è stata l’amatissima cantante del quartetto pop The Mamas & the Papas.

Era nata col nome di Ellen Cohen a Baltimora, il 19 settembre 1941.

Aveva iniziato la sua carriera artistica come attrice nella commedia The Boy Friend, mentre frequentava ancora la scuola superiore a Washington, dove la famiglia si era trasferita.

Ha sempre avuto una fisicità importante a causa della quale veniva respinta e bullizzata, forse per questo abbandonò la scuola prima di diplomarsi.

Trasferitasi a New York, ha iniziato a guadagnarsi da vivere nei locali notturni del Greenwich Village.

Dopo una piccola apparizione in The Music Man,  aveva perso la parte nel successivo ruolo di Miss Marmelstein in I Can Get It for You Wholesale,  dato a una giovane Barbra Streisand, nel 1962.

Mentre la musica folk statunitense era ancora agli albori, ha suonato nel gruppo The Triumvirate poi diventato The Big Three con diversi componenti e con cui ha inciso il primo disco.

Dopo varie collaborazioni musicali, nel 1965, è entrata nella band The Mamas & the Papas, dove ha conosciuto un enorme successo, diventando in quel breve lasso di tempo una vera regina pop.

Lodati come la risposta americana ai Beatles,  sono stati uno dei gruppi vocali di maggior successo negli Stati Uniti. Con le loro melodie gentili, i loro testi desiderosi di raccontare una sottocultura giovanile in mutamento, gli abiti colorati ed eccentrici, erano l’emblema della cultura hippie del periodo.

Diva carismatica, prorompente ed esilarante, quando il gruppo si è sciolto, nel 1971, ebbe una fulgida carriera solista, ha inciso nove album, presentato uno show televisivo e recitato in un film di Hollywood.

Per tutta la vita, a causa della sua fisicità, è stata vittima di body shaming, ma la grande ironia la sosteneva anche in situazioni molto pesanti da gestire.

È stata trovata morta nella sua stanza d’albergo a Londra, a causa di un attacco cardiaco per una deformazione del miocardio, dovuto alla sua obesità. Aveva appena tenuto due concerti di grande successo al Palladium, era il 29 luglio 1974 e aveva soltanto 32 anni.

Attorno a lei aleggia ancora la leggenda, assolutamente infondata, della morte per un “panino di troppo”, mentre il panino trovato sul suo comodino era ancora intatto.

Cass Elliot, vittima di body shaming anche dopo la sua dipartita è la testimonianza del fatto che le parole sono pietre, in vita e anche dopo.

 

#unadonnalgiorno

You may also like

Asma Jahangir avvocata e attivista pakistana
attivismo

Asma Jahangir

Asma Jahangir, avvocata e attivista pakistana, ha contribuito a fondare la Commissione per ...

Comments are closed.

Hebe de Bonafini
attivismo

Hebe de Bonafini

Hebe de Bonafini, attivista argentina, è stata tra le fondatrici dell’Associazione delle Madri ...
Lydia Cacho giornalista messicana
attivismo

Lydia Cacho

Lydia Cacho è una giornalista, scrittrice e attivista messicana che da anni si ...
Norma Cruz
attivismo

Norma Cruz

Trasformiamo il mondo, pensiamo al presente e al futuro dell’umanità. Ponendo fine alla ...