pionierepoliticastoria

Caterina Tufarelli Palumbo. La prima sindaca d’Italia

Caterina Tufarelli Palumbo la prima sindaca d'Italia

La prima sindaca d’Italia è stata una calabrese, Caterina Tufarelli Palumbo, eletta a soli 24 anni, nel comune di San Sosti,  piccolo borgo montano nel Parco Nazionale del Pollino, in provincia di Cosenza.

Chiamata Ketty, nacque a Nocara il 25 febbraio 1922 in una famiglia agiata. I suoi genitori erano Giuseppe, avvocato, e la gentildonna Maria Miceli.

Rimasta orfana a pochi mesi venne mandata in collegio a Roma, presso le suore del Sacro Cuore, sino al conseguimento della maturità classica che ottenne col massimo dei voti. Si è laureata poi in giurisprudenza a Napoli.

Nel 1943 sposò Baldo Pisani, anch’egli avvocato, da cui ebbe tre figli.

Il 24 marzo del 1946, quando per la prima volta le donne poterono votare ed essere votate, divenne sindaca di San Sosti.

Tra i suoi primi provvedimenti si registra la nomina del comitato comunale di assistenza, organismo di vitale importanza per far fronte alla dilagante povertà e alla diffusa disoccupazione.

Democristiana, grazie all’amicizia nata ai tempi del collegio romano con le figlie di Alcide De Gasperi, allora Presidente del Consiglio, riuscì a ottenere i fondi per edificare il palazzo comunale con annesso cinema, costruire strade, case popolari, l’acquedotto e il mercato coperto.

Per promuovere l’alfabetizzazione fece costruire scuole e asili nido e anche un orologio cittadino che permetteva alla popolazione contadina di non lavorare oltre le ore per le quali veniva pagata. 

Sdoganò l’uso della bicicletta per le donne, considerata al tempo un mezzo di dubbia moralità.

Per oltre trent’anni è stata anche Presidente delle Dame di Carità, dove si è prodigata per persone che vivevano ai margini.

La figura straordinaria di questa donna determinata e altruista è da inserirsi in una realtà caratterizzata da povertà e disagi di vario genere.

A fine consiliatura, nel 1952, lasciò un bilancio consuntivo con tutte le opere realizzate, scusandosi per quello che non era riuscita a fare. Uno degli ultimi atti dell’amministrazione fu l’assunzione di un mutuo presso la cassa depositi e prestiti per 29 milioni, per la costruzione del nuovo edificio scolastico.

In seguito, si dedicò a sostenere la carriera del marito, eletto consigliere provinciale e poi Presidente della Provincia di Cosenza per tre mandati. Scriveva anche articoli e saggi per diverse testate giornalistiche.

Si è spenta a Roma il 7 dicembre 1979, a soli 57 anni.
Le è stata intestata una strada nel paese natale e l’aula consiliare a San Sosti.

Nel 2016, l’allora Presidente della Camera, Laura Boldrini l’ha inserita nella Sala delle Donne a  Montecitorio dove sono raffigurate donne esemplari che hanno avuto un ruolo di rilievo nella Repubblica italiana.

Rai Storie le ha dedicato una ricostruzione in Donne di Calabria.

#unadonnalgiorno

You may also like

Galina Ulanova
danza

Galina Ulanova

Galina Ulanova è stata una danzatrice sovietica, una delle rarissime al mondo a ...
Odette Brailly
storia

Odette Brailly

Odette Brailly è stata la più famosa agente dei servizi segreti britannici durante ...

Comments are closed.

More in pioniere

Lorenza Carlassare
cultura

Lorenza Carlassare

Lorenza Carlassare, giurista e costituzionalista, è stata la prima donna in Italia a vincere ...