arteconvivenzacultura

Kenojuak Ashevak artista inuit canadese

Kenojuak Ashevak artista inuit canadese

Kenojuak Ashevak artista grafica, la più importante pioniera della moderna arte inuit canadese. Una lunga lista di successi e riconoscimenti. Una vita intensa, dura, all’insegna dell’arte e dell’orgoglio della propria appartenenza.

Nata nel 1927 in un igloo di un campo inuit nomade sulla costa meridionale di Baffin Island. Suo padre era un cacciatore e un rispettabile sciamano, ucciso a causa di un conflitto con dei missionari cristiani quando lei aveva solo 6 anni. È stata sua madre a insegnarle le arti figurative tradizionali del suo popolo. Trasferita dalla nonna materna ha imparato i mestieri tradizionali, compresi la preparazione di pelli di foca per il commercio con la Compagnia della Baia di Hudson e cucire vestiti impermeabili con tendini di caribù. Quando aveva 19 anni, la famiglia,  le organizzò le nozze con Johnniebo Ashevak, un cacciatore locale.

Kenojuak era riluttante, tanto da lanciare sassi contro di lui quando ebbero il primo approccio. Con il tempo, però, arrivò ad amarlo per la sua gentilezza e la sua dolcezza, anche perché l’uomo la lasciava libera di sviluppare le sue doti artistiche e, spesso, collaborò con lei. Alla fine degli anni ’50, la coppia sperimentò per la prima volta intaglio e disegno. Si trasferirono a Cape Dorset nel 1966 perché i loro figli potessero frequentare la scuola e  continuarono a lavorare a stretto contatto fino alla morte di lui.

Kenojuak Ashevak ha lavorato a diverse tecniche di disegno, di incisione e ha affrontato anche il design grafico.

È stata una delle prime donne Inuit a Cape Dorset a disegnare. Ha lavorato con grafite, matite colorate e pennarelli, e, occasionalmente, usato vernici, acquerelli e acrilici. Ha creato numerose sculture in pietra ollare e migliaia di disegni, incisioni e stampe, molto ricercate da musei e collezionisti. Ha disegnato diversi soggetti per francobolli e monete.

Nel 1963 la National Film Board canadese ha realizzato un documentario sulla sua vita, la sua famiglia e il suo lavoro artistico, intitolato Eskimo Artist: Kenojuak, che ha ricevuto una nomination agli Oscar.

Nel 1970 la sua stampa, Enchanted Owl (1960), fu riprodotta su un francobollo che commemorava il centenario dei Territori del Nordovest, nel 1993 il Canada Post selezionò il suo disegno intitolato The Owl da riprodurre su un francobollo.

La sua arte e la sua vita furono al centro del libro in edizione limitata intitolato Graphic Arts of the Inuit: Kenojuak, pubblicato nel 1981.

Kenojuak ha ricevuto molte onorificenze speciali nel corso degli anni. Nel 1992, le è stata conferita la Laurea Honoris Causa dalla Queen’s University e dall’Università di Toronto. Nel 1996 ha ricevuto il prestigioso premio alla carriera alla cerimonia dei National Aboriginal Achievement Awards a Vancouver. Nel 2001, è stata inserita nella Walk of Fame canadese. È stata la prima artista Inuit tanto omaggiata.

Kenojuak Ashevak ha viaggiato in tutto il mondo come ambasciatrice dell’arte Inuit.

Nel 2004 è diventata la prima persona inuit a progettare una vetrata, che si trova nella Cappella John Bell presso l’Appleby College di Oakville, in Ontario. La maggior parte delle sue opere sono conservate nella National Gallery of Canada a Ottawa.

Nel 2008, ha aggiunto alla sua lista di riconoscimenti il ​​Premio del Governatore Generale per l’eccellenza nelle arti visive.

L”8 gennaio 2013, dopo una lunga e illustre carriera, Kenojuak Ashevak è morta serenamente a casa circondata dalla sua amorevole famiglia. Ha avuto undici figli, sette dei quali morti in tenera età e ne aveva adottati altri cinque.

#unadonnalgiorno

You may also like

Geppi Cucciari
cinema

Geppi Cucciari

Geppi Cucciari è una delle donne di spettacolo più apprezzate nel nostro paese. ...
Dora Maar
arte

Dora Maar

Dora Maar è stata una fotografa, poeta e pittrice.  Nata col nome di ...

Comments are closed.

More in arte

Annie Leibovitz
arte

Annie Leibovitz

Quando dico che voglio fotografare qualcuno, significa, in realtà, che vorrei conoscere qualcuno, ...
arte

Francesca Woodman

La cosa che mi interessava di più era la sensazione che la figura, più che ...