comunicazionefemminismigiornalismo

Naomi Wolf

Naomi Wolf

Nell’intimo della maggioranza delle occidentali – autocontrollate, attraenti e di successo – c’è una corrente segreta che avvelena la loro libertà: una vena oscura, pervasa da nozioni di bellezza, che suscita odio di sé, ossessioni fisiche, terrore di invecchiare, paura di perdere il controllo.

Naomi Wolf, giornalista, scrittrice e consulente politica, è l’autrice dei testi femministi più venduti degli Stati Uniti.

Il libro che l’ha resa nota in tutto il mondo è stato Il mito della bellezza (The Beauty Myth) del 1991, un saggio che aveva scosso l’Occidente rivelando quanto i canoni estetici possano costituire una prigionia per le donne.

Grazie a questo testo, definito dal New York Times uno dei 70 libri più significativi del secolo, è diventata la portavoce della terza ondata del movimento femminista.

Nata a San Francisco, il 12 novembre 1962, Naomi Wolf si è laureata a Yale nel 1984 ed è stata ricercatrice a Oxford.

La sua carriera giornalistica è iniziata nel 1995, quando ha iniziato a trattare argomenti come l’aborto, il movimento Occupy Wall Street e l’ISIS.

Ha scritto per giornali come The Guardian, The Huffington Post, The New York Times, The Wall Street Journal, The Washington Post, Glamour, Ms. e altri ancora.

È stata consulente politica di Al Gore e Bill Clinton.

Tra le sue pubblicazioni più celebri ci sono il bestseller The End of America (2007) e Give Me Liberty (2008).

In Italia, oltre a Il mito della bellezza, ristampato nel 2022 dalle Edizioni Tlon a cura di Maura Gancitano e Jennifer Guerra, nel 2015 è stata pubblicata anche la traduzione di Vagina da Mondadori.

Il pensiero espresso nelle pagine del suo libro più noto, parla di un’assenza di giustificazioni legittime, storiche o biologiche per il mito della bellezza, che è solo una questione di potere. Assoggettate dal bisogno di apparire belle, dagli anni Ottanta le donne hanno iniziato a perdere drasticamente peso, sottoporsi a interventi chirurgici sempre più invasivi, investendo in cosmetici carissimi e adottando look scomodi. Una sorta di prigione in cui si sono recluse, senza possibilità di redenzione.

Un libro che è ancora tragicamente attuale, nonostante spesso siano proprio la moda e la pubblicità a proporre esempi di bellezza non convenzionali. A questa deriva si sono aggiunti i social, che molto spesso sbandierano una bellezza artificiale e ulteriormente “ritoccata” attraverso i filtri, con lo scopo di offrire immagini di perfezione che le donne adoperano anche per imporsi come influencer.

In passato, come nel presente, il mito della bellezza è quel fenomeno atto a mantenere una gerarchia di potere, a separare ruoli, a contenere desideri, anche nella società contemporanea, nonostante i tanti messaggi di body positivity e empowerment femminile.

«Le donne si sentono libere?». Rispondere a questa domanda che aveva posto nel suo testo significa far emergere il complesso intreccio fra bellezza, potere e oppressione, fra corpi e imperativi economici e sociali.

Per amor di cronaca bisogna ricordare che Naomi Wolf si è resa anche protagonista di controverse campagne complottiste soprattutto riguardo all’epidemia di Ebola nell’Africa occidentale. Si è anche fatta notare per aver criticato i vaccini anti-COVID-19 tanto che il suo account Twitter, nel giugno 2021, è stato sospeso per aver pubblicato disinformazione anti-vaccino.

 

#unadonnalgiorno

You may also like

Virginia Woolf
femminismi

Virginia Woolf

Non c’è cancello, nessuna serratura, nessun bullone che potete regolare sulla libertà della ...
Mónica Mayer
arte

Mónica Mayer

Mónica Mayer, artista, curatrice, critica d’arte e attivista femminista, ha esposto e tenuto ...

Comments are closed.