attualitàesempisfidesport

Sadaf Khadem, la prima boxer iraniana

Sadaf Khadem pugile iraniana

Dedico questa vittoria a tutti gli uomini e le donne che hanno dato la vita per difendere il mio Paese e alle donne, che possono attraversare le montagne se lo vogliono.

Sadaf Khadem, nata a Teheran il 23 giugno del 1995, è stata la prima iraniana a partecipare e vincere un incontro internazionale di boxe nell’aprile del 2019, in Francia.

Si è innamorata dello sport dopo aver visto un film dedicato alla pugile indiana Mari Khom, simbolo sportivo e sociale del variegato macrocosmo asiatico.

Per salire sul ring ha sfidato tutto quello che il suo paese le impone. Si è allenata di nascosto con l’ex pugile franco-iraniano Mahyar Monshipour che l’ha sempre invogliata e incoraggiata, pur sapendo di compiere un reato.

Questa scelta, unita alla decisione di non portare il velo durante i match, le ha cambiato per sempre la vita.

Quella che sarebbe dovuta essere una serata di gloria e festeggiamenti, dopo anni di sacrifici e sforzi, si è trasformata in un autentico incubo a occhi aperti.

Il suo governo ha emesso un mandato d’arresto per lei e per il suo allenatore. 

La boxer, che ha disputato il match in shorts e canottiera, è stata accusata di non aver rispettato la norma che obbliga le donne a portare l’hijab, mentre il suo coach Mahyar, ex campione del mondo di boxe, è sospettato di presunta complicità.

Lei sa benissimo che il problema è che il suo paese d’origine non può tollerare che una donna faccia sport e si mostri in calzoncini a rappresentare lo stato. A nulla sono servite le mediazioni della ministra dello sport francese e del capo della Federazione pugilistica iraniana, che ha assicurato l’opinione pubblica internazionale sulla non veridicità delle accuse contenute nel “presunto” mandato d’arresto.

La pugile e il suo coach non sono ancora potuti rientrare nella capitale Teheran.

Nonostante le manchi infinitamente la sua patria, Sadaf Khadem a Parigi è cresciuta esponenzialmente da un punto di vista sportivo e professionale, ha ottenuto 11 vittorie in 13 incontri disputati e sogna di partecipare alle Olimpiadi di Parigi previste per il 2024.

Poco importa se dovrò rappresentare la nazionale francese o quella iraniana. La partecipazione alle Olimpiadi è il sogno di ogni atleta. Sarebbe una vittoria personale indimenticabile e unica. Lotto per un’ideale.

Sadaf Khadem non ha nessuna intenzione di fermarsi nella sua battaglia, dentro e fuori dal ring.

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Awa Fall
attualità

Awa Fall

In un primo momento sono stata affascinata dalle melodie. Poi, quando ho iniziato ...

Comments are closed.

More in attualità

Vanessa Nakate attivista ugandese
africa

Vanessa Nakate

Come possiamo sradicare la povertà senza guardare a questa crisi? Come possiamo raggiungere ...
Zadie Smith scrittrice britannica
attualità

Zadie Smith

Zadie Smith è una delle autrici britanniche contemporanee di maggior talento. Diventata un ...