attualitàesempisfidesport

Sadaf Khadem, la prima boxer iraniana

Sadaf Khadem pugile iraniana

Dedico questa vittoria a tutti gli uomini e le donne che hanno dato la vita per difendere il mio Paese e alle donne, che possono attraversare le montagne se lo vogliono.

Sadaf Khadem, nata a Teheran il 23 giugno del 1995, è stata la prima iraniana a partecipare e vincere un incontro internazionale di boxe nell’aprile del 2019, in Francia.

Si è innamorata dello sport dopo aver visto un film dedicato alla pugile indiana Mari Khom, simbolo sportivo e sociale del variegato macrocosmo asiatico.

Per salire sul ring ha sfidato tutto quello che il suo paese le impone. Si è allenata di nascosto con l’ex pugile franco-iraniano Mahyar Monshipour che l’ha sempre invogliata e incoraggiata, pur sapendo di compiere un reato.

Questa scelta, unita alla decisione di non portare il velo durante i match, le ha cambiato per sempre la vita.

Quella che sarebbe dovuta essere una serata di gloria e festeggiamenti, dopo anni di sacrifici e sforzi, si è trasformata in un autentico incubo a occhi aperti.

Il suo governo ha emesso un mandato d’arresto per lei e per il suo allenatore. 

La boxer, che ha disputato il match in shorts e canottiera, è stata accusata di non aver rispettato la norma che obbliga le donne a portare l’hijab, mentre il suo coach Mahyar, ex campione del mondo di boxe, è sospettato di presunta complicità.

Lei sa benissimo che il problema è che il suo paese d’origine non può tollerare che una donna faccia sport e si mostri in calzoncini a rappresentare lo stato. A nulla sono servite le mediazioni della ministra dello sport francese e del capo della Federazione pugilistica iraniana, che ha assicurato l’opinione pubblica internazionale sulla non veridicità delle accuse contenute nel “presunto” mandato d’arresto.

La pugile e il suo coach non sono ancora potuti rientrare nella capitale Teheran.

Nonostante le manchi infinitamente la sua patria, Sadaf Khadem a Parigi è cresciuta esponenzialmente da un punto di vista sportivo e professionale, ha ottenuto 11 vittorie in 13 incontri disputati e sogna di partecipare alle Olimpiadi di Parigi previste per il 2024.

Poco importa se dovrò rappresentare la nazionale francese o quella iraniana. La partecipazione alle Olimpiadi è il sogno di ogni atleta. Sarebbe una vittoria personale indimenticabile e unica. Lotto per un’ideale.

Sadaf Khadem non ha nessuna intenzione di fermarsi nella sua battaglia, dentro e fuori dal ring.

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Erykah Badu cantautrice statunitense
attivismo

Erykah Badu

Erykah Badu cantautrice e attrice statunitense, è una delle artiste più rappresentative nella ...
Hélène Cixous
cultura

Hélène Cixous

La letteratura attraversa il tempo, trasporta nel paese dotato strutturalmente d’eternità, è un ...

Comments are closed.

More in attualità

Chelsea Manning
attivismo

Chelsea Manning

Chelsea Manning, attivista transgender è una delle whistleblower più importanti della storia degli ...
Paola Egonu campionessa di volley
attualità

Paola Egonu

Paola Egonu, campionessa di pallavolo, orgoglio dello sport nostrano, è una delle giocatrici ...