attualitàfemminismiscienza

Jessica Wade. La fisica che scrive le biografie delle scienziate su Wikipedia

Jessica Wade

Dobbiamo cambiare la comunità scientifica in modo che sia più favorevole, inclusiva e aperta.

Uso Wikipedia per caricare biografie di donne, minoranze etniche e persone LGBT che hanno contribuito alla scienza senza avere l’attenzione che meritano.

Jessica Wade è la fisica che scrive le biografie di scienziate su Wikipedia per combattere il divario di genere.

Nata a Manchester, Inghilterra, nel 1988, figlia e nipote di fisici, ha conseguito un master all’Imperial College di Londra dove ha svolto il dottorato di ricerca e dove continua a lavorare sulla spettroscopia Raman, tecnica che viene utilizzata per analizzare i materiali attraverso il fenomeno della radiazione elettromagnetica.

Nel 2019 ha ricevuto la più alta riconoscenza del Regno Unito, la Medaglia dell’Impero britannico per i considerevoli risultati nel contrastare gli stereotipi di genere nella scienza.

Il suo doppio lavoro, quello che l’ha fatta conoscere in tutto il mondo è iniziato nel 2017, quando ha realizzato che solo una parte molto ridotta delle biografie della popolare enciclopedia è dedicata a donne. Nella compilazione delle voci, Wikipedia si regge sul contributo di persone volontarie, costituite in larga parte da maschi bianchi del Nord America. Per provare a cambiare questa tendenza, ha iniziato a compilare biografie di scienziate che non hanno mai ricevuto il giusto riconoscimento. La sua prima pagina è stata su Kim Cobb, climatologa americana che aveva conosciuto a un evento accademico di cui non aveva trovato la voce a lei dedicata. Con incredibile costanza ha caricato le storie delle scienziate che non hanno ancora trovato posto nella più grande enciclopedia esistente, spesso ispirata da post su twitter che celebravano riconoscimenti di scienziate in giro per il mondo di cui non si era mai sentito parlare in precedenza.

Ad oggi sono più di 1750 le pagine che ha creato provando a colmare un notevole divario di genere nel campo di quell’area che ricade sotto l’acronimo STEM (science, technology, engineering, and mathematics), che indica le discipline scientifico-tecnologiche.

L’enciclopedia online ha un accesso mensile di circa 2 miliardi di utenti, ma secondo il gruppo Wikiproject women in red, in Inghilterra solo il 19% di tutte le pagine è dedicato alle donne.

«Wikipedia è un mezzo straordinario per dare credito a persone cui troppo spesso non vengono riconosciuti i meriti. Già non abbiamo abbastanza scienziate nel mondo della scienza, almeno celebriamo quelle che abbiamo».

Nel corso degli anni, all’attività di stesura vera e propria ha affiancato scritti e conferenze pubbliche sul tema dell’uguaglianza di genere nelle discipline scientifiche.

Ha anche condotto seminari di formazione su Wikipedia e collaborato con associazioni che promuovono l’inclusività.

Nel 2021, per diffondere ulteriormente l’amore per la scienza alle nuove generazioni, ha pubblicato il suo primo libro di divulgazione scientifica per l’infanzia che porta il titolo di Nano: The Spectacular Science of the Very (Very) Small.

La passione per la scienza che coltivava da bambina è diventata amore per le donne che, come lei, cercano di farsi largo in un ambiente difficile e anche quando riescono a distinguersi, spesso, vengono messe in disparte. 

Ho sempre lavorato molto per cercare di convincere le giovani generazioni – in particolare le ragazze, i bambini provenienti dalle fasci sociali più basse e le persone razzializzate – a pensare di studiare fisica alle superiori, perché la fisica è ancora una materia elitaria, da persone bianche” ha spiegato tempo fa in un’intervista al New York Times. “La nostra scienza può portare benefici a tutta la società solo se è fatta da tutta la società. E al momento non è così”.

Con il suo impegno ha creato un precedente e altre persone hanno seguito il suo esempio, aumentando notevolmente il numero di pagine dedicate alle donne.

Sono un piccolo pesce in un mare enorme“, ha ricordato al Washington Post. “Ma continuerò a fare tutto il possibile per rendere la scienza un luogo più accessibile e inclusivo“.

#unadonnalgiorno

You may also like

Carla Lonzi
femminismi

Carla Lonzi

“Il femminismo mi si è presentato come lo sbocco possibile tra le alternative ...
Hannah Hoch
arte

Hannah Höch

Hannah Höch è stata l’artista che ha dato voce e immagine alla critica ...

Comments are closed.

More in attualità

BigMama
attualità

BigMama

Non ricordo un solo giorno della mia adolescenza in cui non sono stata ...
Adania Shibli scrittrice palestinese
attualità

Adania Shibli

Adania Shibli è una scrittrice palestinese, autrice di saggi, romanzi, racconti e opere ...