cinemafemminismi

Sarah Polley

Sarah Polley

Voglio ringraziare l’Academy per non essersi sentita offesa a morte dalle parole “donne” e “parlare” così vicine tra loro.

Sarah Polley è la regista e sceneggiatrice di Women Talking, film femminista e militante che ha vinto l‘Oscar 2023 per la Miglior sceneggiatura non originale.

Icona del cinema indipendente degli anni 2000, è nata a Toronto l’8 gennaio 1979, dalla coppia di attori Michael Polley e Diane McMillan, morta di cancro quando lei aveva undici anni.

A quattro anni era già sul set di Un magico Natale e a nove era una piccola star grazie alla serie tv per bambini Ramona di cui era la protagonista. Nello stesso anno è stata nel cast di Le avventure del barone di Münchausen.

Con la serie La strada per Avolnea, adattamento del romanzo Anna dai capelli rossi, è diventata l’adolescente più famosa e amata della televisione canadese.

Distribuita da Disney Channel negli Stati Uniti, nel 1991, a 12 anni, si è presentata a una cerimonia di premiazione indossando un segno di pace per protestare contro la prima guerra del Golfo, gesto che ha inasprito i suoi rapporti coi dirigenti della Disney che le avevano chiesto di rimuoverlo.

Nel 1994 ha debuttato a teatro come Alice in Attraverso lo specchio. Ha dovuto interrompere le repliche perché è stata operata alla colonna vertebrale a causa di una grande forma di scoliosi che l’ha costretta a letto per un anno.

Approdata a Hollywood, ha recitato in vari film mietendo successi e vari premi come attrice, prima di decidere di votarsi alla regia. È stata nel cast di molte pellicole tra cui  ExoticaMr. NobodyIl dolce domaniGo – Una notte da dimenticare La mia vita senza me.

Dopo vari cortometraggi, nel 2006 ha firmato la sua prima regia col film Away From Her – Lontano da lei che narra la straziante storia di una donna afflitta dal morbo di Alzheimer. Premiato col Canadian Screen Award come Miglior regia e altri celebri riconoscimenti, le è valso la sua prima nomination all’Oscar per la Miglior sceneggiatura non originale.

Il suo secondo film è stato Take This Waltz presentato in anteprima al Toronto International Film Festival del 2011. L’anno seguente è uscito Stories We Tell, documentario presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, che racconta la storia della sua famiglia svelando un segreto fino ad allora rimasto inconfessabile, il fatto che lei è figlia di una relazione extra-coniugale della madre.

Nel 2016, vent’anni dopo averne inoltrato richiesta alla scrittrice Margaret Atwood, ha sceneggiato la miniserie L’altra Grace basata sull’omonimo romanzo.

Dopo dieci anni, in cui ha affrontato anche gravi problemi di salute, è tornata alla regia con Women Talking – Il diritto di scegliere tratto dal romanzo Donne che parlano di Miriam Toews, a sua volta liberamente ispirato da fatti realmente accaduti in una colonia in Bolivia nel 2011.

Il film, presentato in anteprima al Telluride Film Festival il 2 settembre 2022, racconta di un gruppo di donne di una rigida comunità religiosa narcotizzate e violentate mentre dormivano da uomini che facevano loro credere che i loro lividi e denti rotti fossero colpa di azioni demoniache.

Una pellicola profondamente impegnata e politica, che si concentra sulle conseguenze di quella scoperta e sul diritto delle protagoniste di scegliere cosa fare: se rimanere nella colonia e combattere, oppure scappare.

Un’opera minuziosa, precisa, costruita sui volti e sulle parole di un formidabile gruppo di protagoniste. In una parabola drammatica e umana da cui emerge la ricerca del futuro oltre l’orrore.

Women Talking innalza il valore della parola che accomuna le donne ed è il loro unico l’appiglio per combattere la tirannia mascolina.

Nel 2022 è stato dato alle stampe il suo primo libro, Run Towards the Danger una raccolta di sei saggi autobiografici che raccontano vari step della sua vita e carriera, lo sfruttamento della sua immagine come attrice bambina, l’aggressione sessuale subita a 16 anni, la maternità e il suo recupero, durato tre anni, dopo una grave commozione cerebrale.

Sara Polley ha cominciato il suo attivismo a dodici anni mettendosi contro la Disney, è stata esponente di spicco del partito democratico dell’Ontario, ha subito cariche della polizia durante manifestazioni di protesta contro il governo conservatore ed è stata coinvolta nella Coalizione contro la povertà dell’Ontario.

Il 15 ottobre 2017, ha scritto un editoriale sul New York Times descrivendo in dettaglio la sua esperienza con Harvey Weinstein e le disuguaglianze di genere agite nell’ambiente cinematografico hollywoodiano.

Una donna che non le manda a dire e che persegue le sue battaglie per la costruzione della società che sogna.

#unadonnalgiorno

 

 

You may also like

Anna Maria Maiolino
arte

Anna Maria Maiolino

“Fortunatamente per mezzo dell’arte possiamo sovvertire repressioni e conflitti. Sovvertire nel senso di ...
Maria Mies
cultura

Maria Mies

Maria Mies, scrittrice e attivista, è stata tra le prime pensatrici e interlocutrici ...

Comments are closed.

More in cinema

Cate Blanchett
cinema

Cate Blanchett

Cate Blanchett è tra le attrici più talentuose, ironiche e eleganti del cinema ...
Laura Betti
cinema

Laura Betti

«Sono comunque un’attrice ed ho una necessità fisica di perdermi nel profondo degli ...
Sandra Hüller
cinema

Sandra Hüller

Sandra Hüller è l’attrice tedesca più celebrata degli ultimi anni. Talentuosa e intensa, ...
Claire Denis
cinema

Claire Denis

Claire Denis, regista e sceneggiatrice brillante e contemporanea, che ha diretto le più ...