attualitàcuriositàesempistoria

Tewhida Ben Sheikh. La prima donna su una banconota nel mondo arabo

Tewhida Ben Sheikh ginecologa tunisina. La prima donna su una banconota nel mondo arabo

La Tunisia ha appena emesso una banconota raffigurante una donna: è il primo paese arabo al mondo ad aver fatto una scelta del genere.

Il taglio di questa edizione speciale è quello dei 10 dinari.

La banconota rappresenta la dottoressa Tewhida Ben Sheikh.

Nata nel 1909 e scomparsa nel 2010, Tewhida Ben Sheikh resta una figura di riferimento per la medicina araba moderna. Prima studente del suo paese a ottenere la specializzazione, è stata la prima donna del nord Africa a esercitare la professione di ginecologa. 

È stata fortemente osteggiata dall’ala tradizionalista maschile e patriarcale per le sue posizioni e informazioni sulla pianificazione familiare, l’educazione sessuale e il contenimento delle nascite.

Fiera del suo approccio secolare alla materia medica, non ha mai indossato il velo.

Dopo essersi laureata in Medicina a Parigi, nel 1936, è tornata in Tunisia, aprendo una sua clinica, visitando villaggi per educare le sue connazionali ad avere consapevolezza del proprio corpo femminile, esercitando gratuitamente per le più povere.

Tewhida Ben Sheikh contribuì a far sì che, nel 1965, la Tunisia divenisse il primo Stato musulmano a liberalizzare l’aborto.

Questa banconota passerà alla storia anche per un’altra donna. Sul fronte vi sono due firme: una è quella di Marouane Abassi, governatore della Banca centrale tunisina, mentre l’altra è di Nadia Gamha, la vice-governatrice e la prima donna a ricoprire questa carica nel principale istituto di credito del paese.

#unadonnalgiorno

You may also like

Susan B. Anthony
diritti umani

Susan Anthony

Susan Brownell Anthony, suffragista, antischiavista, considerata la madre delle femministe, è colei che ...

Comments are closed.

More in attualità

Marielle Franco, 38 anni, attivista del Partito Socialista per la Libertà è stata uccisa nel centro di Rio de Janeiro
attivismo

Marielle Franco

Le rose della resistenza nascono dall’asfalto, siamo quelle che ricevono rose, ma siamo ...