africamusica

Angélique Kidjo

Angélique Kidjo
Ph. Fabrice Mabillot

Angélique Kidjo è una cantautrice, attrice e attivista beninese. Quattro volte vincitrice del Grammy Award, con tredici album al suo attivo, è una delle più grandi artiste della world music.

Time Magazine l’ha definita la prima diva africana. La BBC l’ha inclusa nella sua lista delle 50 figure più iconiche del continente e nel 2011 The Guardian l’ha inserita tra le prime 100 donne più stimolanti del mondo. Forbes l’ha posta come prima donna nella lista delle celebrità più potenti in Africa.

Nel 2015 ha vinto il Crystal Award assegnato dal World Economic Forum di Davos, in Svizzera, l’Amnesty International Ambassador of Conscience Award nel 2016 e il German Sustainability Award nel 2018.

La sua voce, la presenza scenica e la fluidità in cui spazia tra più culture e lingue le hanno dato fama internazionale. Fonde le tradizioni dell’Africa occidentale con elementi di R&B, funk e jazz americani, mescolate alle influenze provenienti da Europa e America Latina.

Nata a Ouidah, Benin, il 14 giugno 1960, Angélique Kidjo è figlia di una coreografa e regista teatrale, i suoi fratelli sono musicisti. A soli sei anni già si esibiva negli spettacoli della madre. Poliglotta, ha cominciato giovanissima a farsi notare al grande pubblico cantando nella sua lingua madre, il fon, in yoruba, in francese e in inglese. Il successo del suo primo album le ha procurato una tournée in tutta l’Africa Occidentale.

Nel 1983, anche a causa dei contrasti politici nel suo paese, si è trasferita a Parigi, dove ha svolto vari lavori per pagarsi un’importante scuola di jazz. Presto è entrata in contatto con vari musicisti famosi della world music iniziando come cantante di supporto per varie band. Con il suo primo gruppo Pili Pili, ha inciso due album e partecipato al Festival jazz di Montreux, in Svizzera. Il grande successo del suo album da solista, Paraku, del 1990, l’ha lanciata nel panorama musicale franco-africano.

Dopo aver esplorato le strade della diaspora africana, attraverso il Brasile, Cuba e gli Stati Uniti, ha reinterpretato, con ritmi elettrizzanti, chitarre africane e cori a strati Remain in Light, album dei Talking Heads del 1980.

Nel gennaio 2014 è uscita la sua autobiobrafia Spirit Rising: My Life, My Music. 

Ha suonato anche con diverse orchestre internazionali tra cui la Bruckner Orchestra, la Royal Scottish National Orchestra e la Philharmonie de Paris.

Nel settembre 2015 ha cantato per l’apertura dell’Assemblea delle Nazioni Unite.

Negli ultimi anni c’è stata anche una fortunata collaborazione con Philip Glass.

I suoi concerti, tenuti durante tour mondiali, sono famosi per la sua grande energia e raffinatezza musicale.

Angelique Kidjo è anche ambasciatrice di buona volontà per UNICEF e OXFAM. Al vertice del G7 del 2019, è stata nominata dal presidente francese Macron portavoce di AFAWA (Azione finanziaria affermativa per le donne in Africa) per aiutare a colmare il divario di finanziamenti per le donne imprenditrici in Africa. Ha anche una sua fondazione di beneficenza, Batonga, dedita a sostenere l’educazione delle giovani africane.

Negli anni, ha collaborato con musicisti e musiciste del calibro di Carlos Santana, Alicia Keys, Peter Gabriel, Ziggy Marley, Sting, John Legend, Carmen Consoli, Youssou N’Dour e molte altre/i.

Alcune sue canzoni sono state incluse nelle colonne sonore di film, tra cui Ace Ventura – Missione AfricaStreet Fighter – Sfida finale e Caro diario.

Il 13 luglio 2021 ha cantato alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo.

 

You may also like

Rokia Traoré musicista maliana
africa

Rokia Traoré

Rokia Traoré, cantante e musicista maliana, è una delle nuove rappresentanti della musica ...

Comments are closed.

More in africa

Dorothy Masuka
africa

Dorothy Masuka

Dorothy Masuka, cantautrice e compositrice jazz sudafricana nata in Zimbabwe, icona e simbolo della ...
Oumou Sangaré
africa

Oumou Sangaré

Oumou Sangaré, cantante e musicista maliana, stella della world music, è l’interprete principale ...