attualitàeverydaymartirii

Barbara Bartolotti, libera di vivere

Barbara Bartolotti era incinta quando è stata colpita con martellate, coltellate e poi bruciata da un collega che non accettava il suo rifiuto.

Barbara Bartolotti è una donna che, nel 2003 è stata colpita con martellate sul cranio, coltellate all’addome (con l’uccisione del figlio che portava in grembo), calci e pugni al fine di sfigurarla.

È stata, poi, bruciata da un collega geloso del fatto che lei avesse un marito e lo avesse rifiutato.

La forza di questa donna l’ha portata a fingersi morta per poi scappare sulla tangenziale per chiedere aiuto, mentre era mezza carbonizzata.

Dopo 10 giorni di coma, 6 mesi di ospedale, 27 interventi e la paura di morire è rinata più forte di prima.

Il collega  avrebbe dovuto fare 25 anni di galera per omicidio del bambino e tentato omicidio della donna.

Reo confesso, dopo vari patteggiamenti, ha avuto 4 anni di domiciliari. Anni che gli sono stati tolti per altri motivi grazie ai suoi legali.

Lei non trova più lavoro, le dicono che non la vogliono perché “fa impressione”.

Lui lavora in banca, ha fatto carriera e si è sposato.

Lei, invece, è stata licenziata dall’impresa edile dove lavorava, perché tra i vari capi c’era lo zio dell’aggressore.

Nel 2016, Barbara Bartolotti ha fondato l’associazione Libera di Vivere.


#unadonnalgiorno

You may also like

Ghada Amer artista femminista egiziana
arte

Ghada Amer

La storia dell’arte è stata scritta dagli uomini, in pratica e in teoria. ...
Rosaria Iazzetta artista
arte

Rosaria Iazzetta

Rosaria Iazzetta è artista e insegnante, un orgoglio tutto partenopeo anche se in ...

Comments are closed.

More in attualità