attivismoattualitàdiritti umanipolitica

Cori Bush, militante di Black Lives matter eletta al Congresso USA

Cori Bush è prima donna nera del Missouri al Congresso.
Cori Bush è la prima donna nera del Missouri a entrare al Congresso. È stata eletta con quasi l’80 % dei voti.
Fa parte del movimento che sta riempiendo le strade e le piazze americane al grido di: “black lives matter!“, con Alexandria Ocasio Cortez rappresenta la parte più radicale del Partito Democratico statunitense in grado di competere con l’establishment.
Cori Anika Bush è nata il 21 luglio 1976 a St. Louis dove è cresciuta. È infermiera, pastora, attivista e madre single.
Il 4 agosto 2020, ha sconfitto Lacy Clay in carica per 10 mandati nelle elezioni primarie della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti del 2020, avanzando alle elezioni generali di novembre nel distretto del Congresso. È la prima donna afro-americana eletta nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti dal Missouri. 

Nel 2011, ha fondato la chiesa della Kingdom Embassy International a St. Louis. Il suo interesse per la politica è iniziato dopo i disordini di Ferguson del 2014, dove lavorava come infermiera e organizzatrice di triage. In quell’occasione era stata anche caricata dalla polizia.

Cori Bush è  ambasciatrice della non violenza 365 presso il King Center for Nonviolent Social Change. 

Era candidata alle elezioni del Senato degli Stati Uniti del 2016 nel Missouri. Nelle primarie democratiche, si è piazzata seconda dopo il Segretario di Stato Jason Kander. Nel 2018, ha lanciato una campagna primaria contro il rappresentante democratico in carica Lacy Clay nel primo distretto del Congresso del Missouri. Candidata “ribelle”, è apparsa nel documentario Netflix Knock Down the House, con lei anche Alexandria Ocasio-Cortez, che ha sconfitto un membro del Congresso in carica da 10 mandati nella sua vittoria alle primarie del 2018.

Cori Bush è stata sostenuta da organizzazioni progressiste tra cui Justice DemocratsSunrise Movement e Brand New Congress e ha ricevuto l’approvazione personale dal senatore del Vermont Bernie Sanders, candidato democratico NY-16 Jamaal Bowman, di molte altre personalità politiche, tra cui l’attivista Angela Davis.

Democratica e progressista, sostiene politiche come la giustizia penale e la riforma della polizia, il diritto all’aborto, alle cure mediche gratuite, il salario minimo garantitola scuola statale e professionale e la cancellazione del debito studentesco.

È stata appoggiata e fa parte dei Democratic Socialists of America. 

Durante la sua campagna, Cori Bush ha sostenuto la riduzione del finanziamento delle forze e lo stanziamento dei fondi per la difesa a favore dell’assistenza sanitaria e delle comunità a basso reddito.

Nel 2015 ha ricevuto il  Women of Courage Award, il Delux Magazine Power Award 2016 e il Community Activist Award 2018 . La rivista Gazelle l’ha nominata una delle 50 migliori donne di St. Louis.

Appena eletta ha scritto sui social:
Il voto è solo uno degli strumenti nella nostra cassetta degli attrezzi fatta di:
– manifestazioni per strada
– organizzazione sui posti di lavoro
– controllo sui nostri eletti
– candidarsi contro di loro quando non ci rappresentano più.
Il nostro movimento è forte e non ci fermeremo“.
L’America e il mondo intero, ha bisogno di donne come Cori Bush. Noi tifiamo per lei!
#unadonnalgiorno

 

You may also like

Susan B. Anthony
diritti umani

Susan Anthony

Susan Brownell Anthony, suffragista, antischiavista, considerata la madre delle femministe, è colei che ...
Moira Millan
attivismo

Moira Millán

Mi è toccato essere donna indigena nel peggiore dei paesi dell’indo America. In Argentina ...

Comments are closed.

More in attivismo

Johannah Stutchbury ambientalista kenyota
africa

Joannah Stutchbury

Johannah Stutchbury è stata un’attivista ambientalista keniota, nota per il suo impegno a ...