pionieresfidestoria

Fiorenza De Bernardi prima pilota di linea

Fiorenza De Bernardi prima pilota di linea in Italia
(DOUBLE RATES APPLY) Italian pilot Fiorenza De Bernardi driving an aircraft. 1967. (Photo by Sergio del Grande/Mondadori via Getty Images)

Fiorenza De Bernardi è stata la prima donna in Italia e quarta nel mondo a svolgere la professione di pilota di linea.

Intrepida e determinata, è nata il 22 maggio 1928 a Firenze. Sin da bambina è stata a contatto con aerei  e motori. Suo padre, Mario De Bernardi, colonnello dell’Aeronautica, era un asso dell’aviazione, un pioniere del volo, che aveva guadagnato trofei prestigiosi esibendosi nei cieli d’Italia e d’America.

Sua madre, Maria Vittoria Falorsi, era stata crocerossina durante la Prima guerra mondiale.

Fiorenza De Bernardi ha vissuto un’infanzia e adolescenza felice perché i genitori avevano una mentalità aperta e le consentivano di fare tutto ciò che desiderava, cosa rara per quei tempi.

Grazie a questa libertà, questa forza della natura, ha potuto praticare tutti gli sport che desiderava. Ha frequentato il Liceo francese Chateaubriand a Roma che formava la migliore gioventù dell’epoca. Nel 1947, ha fatto una scuola di roccia sui monti laziali, esperienza che fece nascere in lei la passione per le scalate. Ha raggiunto varie vette importanti, tra cui anche il Monte Bianco. Amava arrampicarsi e sciare.

Fino ai vent’anni, la sua grande passione era la montagna, dove sognava di andare a vivere.

Bastarono, però, pochi voli con il padre che le aveva insegnato tutti i trucchi del mestiere, per accendere la sua passione. In una giornata estiva del 1951, volando per la prima volta da sola, di nascosto dal padre, decise che quello sarebbe stato il suo destino.

Ha ottenuto il primo brevetto di volo nel 1951. Nel 1953 sono cominciati i primi incarichi professionali. È stata copilota del Comandante Roberto Goems per la Piper per 10 anni nei cieli d’Europa e dell’Africa del Nord.

Nello stesso periodo ha sposato Sandro Carocci, anch’egli pilota, ma la loro unione non è durata molto.

Nel 1966 ottiene il brevetto commerciale, e nel gennaio del 1967 è stata assunta da Aeralpi. Prima donna in Italia a volare in una compagnia di linea.

Ha subito la diffidenza dei colleghi maschi che non accettavano di buon grado una donna in mezzo a loro, ma che hanno dovuto ceduto di fronte alla sua bravura.

È stata anche una delle prime donne a volare su velivoli militari e la prima abilitata al volo di montagna.

Quando la compagnia si sciolse a causa della morte del proprietario, Fiorenza De Bernardi provò a entrare in Alitalia che non glielo permise.

Nel 1969, è stata assunta da Aertirrena, compagnia con idee più all’avanguardia. In un primo momento è stata pilota di taxi aereo, successivamente è diventata Comandante di un bimotore.

Nel 1970, ha guidato un trireattore in alcuni voli dimostrativi che l’hanno portata a girare mezzo mondo, per raggiungere l’Australia. In quella lunga e avvincente avventura, in cui ha dovuto fare tappe per rifornimento carburante in tutta l’Asia, la sua fama di aviatrice la precedeva. La stampa locale australiana concesse, infatti, grande attenzione a questa donna al comando di un jet che divenne nota in tutto il continente.

Nel 1980, ha riprovato a entrare in Alitalia che di nuovo non glielo ha permesso, poco dopo è rimasta vittima di un incidente automobilistico che l’ha tenuta a letto per più di un anno. Così è finita la sua carriera, dopo 7000 ore di volo. Le leggi dell’aviazione sono inflessibili: il brevetto di pilota decade se entro sei mesi non si fa attività.

La sua grande esperienza e anche il malcontento di aver avuto tante porte sbarrate, l’ha convinta a fondare, nel 1979, l’Associazione Pilote Italiane, diventata poi Associazione Donne dell’Aria (ADA) della quale fanno parte anche paracadutiste, direttrici di aeroporti e tutte le donne che ruotano nell’ambito dell’aviazione. È anche vice-presidente della Federazione Pilote Europee e membra delle 99 (associazione a cui appartengono tutte le pilote del mondo), nonché membra ISA (Associazione Internazionale delle Pilote di Linea).  

Fiorenza De Bernardi ha ricevuto riconoscimenti di ogni sorta, l’ANPAC le ha conferito la “medaglia alla carriera”, 35 anni, vissuti tra il rombo dei motori e il sibilo dei jet.

Ma soprattutto è stata di ispirazione e stimolo per tante colleghe, che hanno sempre visto in lei un grande riferimento per tutte le donne che volano.

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Emilie Flöge stilista viennese
moda

Emilie Flöge

Emilie Flöge, designer e stilista viennese che ha dettato la moda agli inizi ...
Kathrine Switzer prima iscritta alla maratona di Boston
sfide

Kathrine Switzer

Sapevo che se avessi smesso, nessuno avrebbe mai creduto che le donne avevano ...

Comments are closed.

More in pioniere

Nellie Bly
diritti umani

Nellie Bly

Nellie Bly è stata una intraprendente e spericolata giornalista statunitense dell’Ottocento. Per prima ha ...