africaarchitetturaattualità

Lesley Lokko

Lesley Lokko architetta e scrittrice

Si sta delineando un nuovo ordine mondiale, con nuovi centri di produzione e di controllo della conoscenza. Si stanno definendo anche nuove tipologie di pubblico, desiderose di narrazioni diverse, strumenti diversi e linguaggi diversi di spazio, forma e luogo. Dopo due degli anni più difficili e divisivi che la storia ricordi, noi architetti abbiamo un’occasione unica per mostrare al mondo quello che sappiamo fare meglio: proporre idee ambiziose e creative che ci aiutino a immaginare un più equo e ottimistico futuro in comune.

Lesley Lokko, architetta, docente e scrittrice scozzese con cittadinanza ghanese, sarà la curatrice della Biennale di Architettura di Venezia 2023.

Nata a Dundee, in Scozia, nel 1964, è cresciuta in Africa, ha studiato negli Stati Uniti e in Inghilterra.

Progettista geniale dallo sguardo aperto e multiculturale, ha fatto del mondo il suo Paese. Ha insegnato nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Europa, in Australia e in Sud Africa.

Preside alla Spitzer School of Architecture del City College of New York, ha fondato e diretto la Graduate School of Architecture dell’Università di Johannesburg.

Ha curato White Papers, Black Marks: Architecture, Race, Culture. È direttrice di Folio: Journal of Contemporary African Architecture e fa parte del comitato editoriale di Arq: Architectural Research Quarterly.

A Accra, in Ghana ha fondato e dirige, dal 2020, l’African Futures Institute, scuola di specializzazione in disegno e piattaforma di eventi pubblici.

Tiene talk in tutto il mondo e ha fatto parte di giurie di prestigiosi festival e premi internazionali. È stata anche giurata alla Biennale di Venezia 2021.

Il suo lavoro nel campo dell’architettura e della letteratura, improntato all’analisi e all’osservazione della relazione tra identità, cultura e spazio, le ha procurato importanti riconoscimenti come il RIBA Annie Spink Award for Excellence in Education 2020 e l’AR Ada Louise Huxtable Prize for Contributions to Architecture 2021.

Ha anche scritto undici romanzi.

Il panorama dell’architettura africana si sta modificando sotto i nostri occhi, e negli ultimi anni è stato un grande privilegio esserne testimone. L’Africa ha la popolazione più giovane al mondo: l’età media è di 19,8 anni rispetto ai 38,6 negli Stati Uniti e 39,2 in Europa. È anche in parte per merito di questa gioventù piena di energie che le informazioni circolano tra il Continente e la sua diaspora, forgiando nuove costruzioni di identità nazionale, appartenenza e ibridismo culturale, così importanti in uno spazio che è stato definito per lungo tempo principalmente dalla sua ‘alterità’.

 

#unadonnalgiorno

You may also like

Irma Pany
africa

Irma

Ho scelto di dirigere un video per ogni canzone che ho registrato, raccontarla ...

Comments are closed.

More in africa

Mati Diop
africa

Mati Diop

Restituire significa rendere giustizia. Possiamo sbarazzarci del passato come un fardello spiacevole che ...