arteattivismoIspirazioni

Mari Katayama, una scultura vivente

Mari Katayama, trasforma il suo corpo in una scultura vivente

Mari Katayama è nata con una malattia genetica alle tibie e ha una mano divisa in due. A 9 anni decide di farsi amputare le gambe e da allora cammina con le protesi.

Ha sempre lavorato sul suo corpo trasformandolo in una vera e propria scultura vivente sul quale costruire delle protesi decisamente più creative.

Utilizzando pizzo, conchiglie, perle e cristalli di Swarovski, Mari realizza col suo corpo delle composizioni, che contemplano anche delle estensioni dei suoi arti, per poi fotografarle.

Il suo è un superamento creativo dell’handicap nato dall’esigenza di affrontarlo e vincerlo. Il risultato è non solo apprezzabile dal punto di vista umano ed emotivo, ma anche da quello estetico.

Il suo corpo, spesso sprovvisto di protesi e offerto nella propria disabilità, possiede un’armonia e una delicatezza invidiabili.

Stravolgendo i canoni stereotipati della bellezza fisica, l’artista ci invita nel suo mondo inducendoci a riconsiderare e riformulare le forze che li modellano.

Mari Katayama provoca, affascina e seduce, trasformando se stessa in un’opera d’arte vivente e pulsante.


#unadonnalgiorno

You may also like

Faith Ringgold artista e attivista
arte

Faith Ringgold

Ho iniziato a scrivere racconti sulle mie trapunte come alternativa, quando venivano esposte ...

Comments are closed.

More in arte

Paula Rego artista portoghese
arte

Paula Rego

Paula Rego, pittrice portoghese naturalizzata britannica, passata alla storia per le sue opere, ...
Alice Pasquini la street artist italiana più famosa al mondo
arte

Alice Pasquini

Non dipingo su una tela, ma su muri esposti alle intemperie, ai passanti, ...