arteattivismoIspirazioni

Mari Katayama, una scultura vivente

Mari Katayama, trasforma il suo corpo in una scultura vivente

Mari Katayama è nata con una malattia genetica alle tibie e ha una mano divisa in due. A 9 anni decide di farsi amputare le gambe e da allora cammina con le protesi.

Ha sempre lavorato sul suo corpo trasformandolo in una vera e propria scultura vivente sul quale costruire delle protesi decisamente più creative.

Utilizzando pizzo, conchiglie, perle e cristalli di Swarovski, Mari realizza col suo corpo delle composizioni, che contemplano anche delle estensioni dei suoi arti, per poi fotografarle.

Il suo è un superamento creativo dell’handicap nato dall’esigenza di affrontarlo e vincerlo. Il risultato è non solo apprezzabile dal punto di vista umano ed emotivo, ma anche da quello estetico.

Il suo corpo, spesso sprovvisto di protesi e offerto nella propria disabilità, possiede un’armonia e una delicatezza invidiabili.

Stravolgendo i canoni stereotipati della bellezza fisica, l’artista ci invita nel suo mondo inducendoci a riconsiderare e riformulare le forze che li modellano.

Mari Katayama provoca, affascina e seduce, trasformando se stessa in un’opera d’arte vivente e pulsante.


#unadonnalgiorno

You may also like

Laura Cionci
arte

Laura Cionci

Ci vuole agilità e coraggio per preservare la propria armonia e non farsi ...
Yayoi Kusama la principessa dei pois
arte

Yayoi Kusama

Yayoi Kusama è la più importante artista giapponese. Geniale e camaleontica, realizza installazioni ...

Comments are closed.

More in arte

Mina Loy ritratta da Man Ray
arte

Mina Loy

“Donne se volete realizzarvi siamo alla vigilia di uno sconvolgimento psicologico – tutte ...
Bridget Bate Tichenor
arte

Bridget Bate Tichenor

Bridget Bate Tichenor è stata una pittrice surrealista, autrice di arte fantastica e creatrice ...