femminismiletteratura

Caterina Venturini

Caterina Venturini
Ph. Martina Albertazzi

La scrittura è sempre un atto di disobbedienza. Chi scrive ricrea, rifà il reale e dice la sua verità sul mondo che, quanto più consapevole della propria inevitabile parzialità (dovuta a condizioni di vita diverse), può valere qualcosa anche per gli altri. E le altre.

Caterina Venturini è una scrittrice italiana che vive a Los Angeles.

Nata ad Amelia, in provincia di Terni, l’11 gennaio 1975, è laureata in Letteratura italiana alla Sapienza di Roma. Dal Dottorato in Storia delle Scritture Femminili ha prodotto il saggio: La poesia ottusa di Amelia Rosselli. Rapporti con Neoavanguardia e Femminismo. A Milano, ha frequentato un master presso il Centro Europeo Scuola Educazione Cultura.

Ha insegnato nella scuola secondaria e collaborato con la cattedra di Letteratura Italiana Contemporanea dell’Università La Sapienza. È stata anche docente al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Ha scritto vari articoli, prefazioni e saggi di critica letteraria per AvanguardiaComunicare letteraturaDecanterAbsolute poetry.
Alcuni suoi racconti sono stati pubblicati su riviste come In pensieroLeggere donna e nell’antologia Fili di parole.

Femminista intersezionale, il suo primo romanzo Le tue stelle sono nane del 2009, è un racconto sul precariato che diventa la metafora di un tempo spietato, che scandisce i ritmi di una società globale e connessa che più si finge libera, reticolare e aperta, più si rivela intransigente e ossessiva.

Il secondo romanzo, L’anno breve, del 2016, narra  l’esperienza sconvolgente e profondissima come insegnante al liceo di un ospedale in cui sono ricoverate giovani donne e uomini che forse non ne usciranno mai. Il racconto di come, ogni giorno, rimette in discussione tutto ciò che crede di sapere su se stessa e fare i conti con un segreto del suo passato.

È stata sceneggiatrice del film Anni felici di Daniele Luchetti (2013, sceneggiatura candidata al Nastro d’Argento).

Da qualche tempo si è trasferita a Los Angeles, per seguire l’amore, da quest’esperienza, costituita anche da profonda infelicità e estraneità, è nata la sua ultima fatica letteraria, Quchi, Quello che ho ingoiato, del 2022.

Il libro parla della scrittrice Carla Longhi, suo alter ego, che si è trasferita nella città degli angeli, con tanta insicurezza, dovuta anche alla poca conoscenza della lingua. La storia si muove avanti e indietro nel passato della protagonista che ha ingoiato parecchio amaro, a partire dal tempo passato all’università in Italia aspirando a un’impossibile docenza.

Lucido, ironico, spiazzante, è un romanzo sulla condizione femminile come non era stata ancora raccontata.

La protagonista è una donna fratturata, ammaccata, che sposta continuamente il senso e il punto di vista evidenziando l’ossessione di piacere e compiacere. Un personaggio a tutto tondo, insoddisfatto, cerebrale, complesso, contraddittorio, con cui Caterina Venturini sceglie di raccontare l’incompiutezza e l’inettitudine della nostra generazione, dall’apparente ma fallace vigore. La sua protagonista non fa altro che fuggire da se stessa, dai suoi limiti e soprattutto dallo sguardo degli altri che prima diviene il nostro e poi lo condiziona.

La scrittura di Caterina Venturini rappresenta in pieno la sua personalità, ironica e lucida, che trova il coraggio di raccontare, senza sentimentalismi, momenti di ordinaria quotidianità mescolati a quelli di felicità e sofferenza che l’hanno segnata, colpendo al cuore chi la legge per la potente forza evocativa.

È una donna intelligente e acuta, di cui mi fregio di essere amica, alla continua ricerca della conoscenza di se stessa e del mondo che abita.

 

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Pinar Selek scrittrice e attivista turca
attivismo

Pinar Selek

Pinar Selek è una scrittrice, sociologa, femminista, militante antimilitarista turca, vittima della repressione ...

Comments are closed.

More in femminismi