africadiritti umanimusica

Dorothy Masuka

Dorothy Masuka

Dorothy Masuka, cantautrice e compositrice jazz sudafricana nata in Zimbabwe, icona e simbolo della cultura e della musica dell’Africa tutta.

Ha contribuito in maniera significativa alla lotta contro il regime dell’apartheid. 

Una carriera durata mezzo secolo, iniziata precocemente, e sospesa per lungo tempo, perché costretta in esilio a causa dei suoi posizionamenti politici.

Nata a Bulawayo, all’epoca Rhodesia del Sud, il 3 settembre 1935, a 12 anni si era trasferita con la  famiglia in Sudafrica, a Johannesburg, dove ha frequentato una scuola cattolica nel cui coro si è subito fatta notare per le sue doti fuori dall’ordinario. Negli anni dell’adolescenza ha composto oltre 30 brani.

A 16 anni ha lasciato gli studi per seguire il sogno di diventare cantante, nonostante la disapprovazione dei genitori. Ha firmato il suo primo contratto con una casa discografica e cominciato a collaborare con le band più importanti del tempo.

Il brano che l’ha portata alla ribalta è stato Hamba Nontsokolo, una delle canzoni più popolari degli anni ’50.

Ma, col crescere della celebrità sono arrivati i primi problemi, legati ai contenuti delle sue composizioni provocatorie contro l’apartheid.

Nel 1961, le vennero sequestrate le registrazioni di Lumumba, canzone che rendeva omaggio a Patrice Lumumba, primo presidente eletto democraticamente della Repubblica Democratica del Congo. Stessa sorte era toccata al brano Dr. Malan, una critica sulle leggi dell’apartheid del Partito Nazionalista, anch’esso sequestrato e bandito.

Costretta a lasciare il paese per la sua incolumità, ha vissuto in Malawi e in Tanzania dove è diventata la paladina della causa dell’indipendenza in Africa.

Per quasi vent’anni ha vissuto, in Zambia, dove  lavorava come hostess per una compagnia aerea, abbandonando completamente la carriera musicale.

I suoi brani più memorabili sono stati Pata Pata, Khawuleza, Kulala e Into Yam, interpretati da celebrità del calibro di Miriam Makeba e Hugh Masekela.

Nel 1994, anno in cui Nelson Mandela è stato eletto Presidente del Sudafrica, è tornata a casa e ha ripreso la sua ricerca e produzione di brani e musica sulla storia del continente e dei personaggi che l’hanno reso grande, come re Shaka che fondò il popolo Ndebele, dello Zimbabwe e del Sud Africa.

Nel 2002 è stata inserita nella American Hall of Fame.

Fino alla fine dei suoi giorni, e molto in là con gli anni, ha continuato a cantare e esibirsi in tutto il mondo, levando forte la sua voce in favore della decolonizzazione. 

È scomparsa a Johannesburg il 23 febbraio 2019 a causa di un ictus.

 

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Carole King
musica

Carole King

Carole King, la cantautrice e compositrice di maggior successo della seconda metà del ...
Caterina Caselli
musica

Caterina Caselli

Caterina Caselli, grande protagonista della musica italiana, è un’artista che ha attraversato tempi ...
Linda Perry
musica

Linda Perry

Linda Perry è la cantautrice e produttrice discografica che, negli anni novanta, è ...

Comments are closed.

More in africa

Irma Pany
africa

Irma

Ho scelto di dirigere un video per ogni canzone che ho registrato, raccontarla ...
Mati Diop
africa

Mati Diop

Restituire significa rendere giustizia. Possiamo sbarazzarci del passato come un fardello spiacevole che ...