letteraturastoriaumanità

Halina Birenbaum. Maledetta scrittura

Halina Birenbaum, scrittrice superstite Olocausto

I versi sono lacrime,
un pianto senza voce,
un dolore crescente,
una rivolta interiore.

I versi sono una lingua insolita
che permette, nel silenzio, la parola.

Un rifugio,
se ci si perde nel folto
della vita.

Maledetta scrittura,
per la sua implacabile minaccia
e per la vita, nella sua eterna ombra.

Halina Birenbaum, scrittrice, poetessa, traduttrice, attivista e superstite dell’Olocausto polacca naturalizzata israeliana.


#unadonnalgiorno

You may also like

Theresa Goell
cultura

Theresa Goell

Theresa Goell è stata l’archeologa che ha infranto barriere culturali e di genere ...

Comments are closed.

More in letteratura

Petina Gappah
africa

Petina Gappah

Ci sono fatti storici ancora avvolti dal silenzio, in qualche modo anche dalla ...
George Sand
letteratura

George Sand

George Sand figura ribelle e anticonformista dalla vita avventurosa e lo spirito indomito, ...