ribellirivoluzionestoria

Manuela Sáenz, la libertadora

Manuela Sáenz, la libertadora

Manuela Sáenz, la libertadora, nacque a Quito nel 1797.

Mentre tutte le ragazze dell’epoca erano educate al matrimonio e alla sottomissione, già a dodici anni si unì a un gruppo di donne rivoluzionarie.

A 17 anni, fu mandata in convento per essere educata, s’innamorò di un uomo e fuggì insieme a lui.

Il padre, successivamente, le impose di sposare un uomo che aveva il doppio della sua età.

La sua vita sociale divennero i raduni rivoluzionari. Partecipò all’indipendenza del Perù e fu nominata Cavaliera dell’Ordine del Sole.

Nel 1822 conobbe Simón Bolívar di cui divenne fedele compagna e amante.

Manuela Sáenz, si trasferì con lui in Perù, gli salvò la vita due volte e per questo fu chiamata la Libertadora del Libertador.

Quando Bolívar morì, fu mandata in esilio in Perù, dove visse per 21 anni in povertà.

Suo marito cercò una nuova riconciliazione e le offrì del denaro, e sebbene nel 1837 avrebbe potuto tornare in Ecuador, decise di permanere in povertà e in esilio.

Il 23 novembre 1856, Manuela Sáenz morì di difterite.

Il suo corpo, i suoi beni e i suoi ricordi furono bruciati. Le sue ceneri gettate in una fossa comune.

Su di lei piombò un lungo silenzio: un secolo e mezzo di menzogna e omertà.


#unadonnalgiorno

You may also like

Odette Brailly
storia

Odette Brailly

Odette Brailly è stata la più famosa agente dei servizi segreti britannici durante ...
Maria Giudice è stata socialista giornalista tra le prime sindacaliste e femministe italiane
esempi

Maria Giudice

Maria Giudice è stata  tra le prime sindacaliste e femministe italiane, socialista, giornalista, ...

Comments are closed.

More in ribelli

Nancy Cunard
icone

Nancy Cunard

Amo la pace, la campagna, la Spagna repubblicana e l’Italia antifascista, i neri ...