ribellirivoluzionestoria

Manuela Sáenz, la libertadora

Manuela Sáenz, la libertadora

Manuela Sáenz, la libertadora, nacque a Quito nel 1797.

Mentre tutte le ragazze dell’epoca erano educate al matrimonio e alla sottomissione, già a dodici anni si unì a un gruppo di donne rivoluzionarie.

A 17 anni, fu mandata in convento per essere educata, s’innamorò di un uomo e fuggì insieme a lui.

Il padre, successivamente, le impose di sposare un uomo che aveva il doppio della sua età.

La sua vita sociale divennero i raduni rivoluzionari. Partecipò all’indipendenza del Perù e fu nominata Cavaliera dell’Ordine del Sole.

Nel 1822 conobbe Simón Bolívar di cui divenne fedele compagna e amante.

Manuela Sáenz, si trasferì con lui in Perù, gli salvò la vita due volte e per questo fu chiamata la Libertadora del Libertador.

Quando Bolívar morì, fu mandata in esilio in Perù, dove visse per 21 anni in povertà.

Suo marito cercò una nuova riconciliazione e le offrì del denaro, e sebbene nel 1837 avrebbe potuto tornare in Ecuador, decise di permanere in povertà e in esilio.

Il 23 novembre 1856, Manuela Sáenz morì di difterite.

Il suo corpo, i suoi beni e i suoi ricordi furono bruciati. Le sue ceneri gettate in una fossa comune.

Su di lei piombò un lungo silenzio: un secolo e mezzo di menzogna e omertà.


#unadonnalgiorno

You may also like

Kathrine Switzer prima iscritta alla maratona di Boston
sfide

Kathrine Switzer

Sapevo che se avessi smesso, nessuno avrebbe mai creduto che le donne avevano ...

Comments are closed.

More in ribelli