cultura

Claudine Gay

Claudine Gay

Claudine Gay, economista e scienziata politica, è la prima donna nera a guidare l’Università di Harvard. 

Precedentemente era stata Preside della Facoltà di Lettere e Scienze di Harvard e professoressa di studi africani e afroamericani.

È una delle maggiori studiose ed esperte di comportamento politico in riferimento a razza e genere. Ha fondato e dirige l’organismo multidisciplinare Inequality in America Initiative.

Nata il 4 agosto 1970 è figlia di immigrati haitiani negli Stati Uniti. Ha trascorso gran parte della sua infanzia a New York e poi in Arabia Saudita, dove suo padre lavorava per il Corpo degli ingegneri dell’esercito americano. Ha studiato economia alla Stanford University, ricevendo l’Anna Laura Myers Prize per la migliore tesi di laurea in economia.

Si è laureata nel 1992 e successivamente ha conseguito il dottorato di ricerca a Harvard nel 1998, vincendo il “Toppan Prize” dell’università per la migliore tesi di laurea in scienze politiche.

È stata prima assistente e poi professoressa associata presso il Dipartimento di Scienze Politiche di Stanford dal 2000 al 2006 anno in cui è arrivata a Harvard, dove è diventata docente di studi afroamericani.

Quando, nel 2018, è stata nominata preside della Facoltà di Lettere e Scienze (FAS), ha delineato quattro priorità: aumentare la diversità tra docenti, aumentare gli studi interdisciplinari tra studenti, incoraggiare la collaborazione tra insegnanti e promuovere il loro coinvolgimento nella comunità universitaria.

Durante la pandemia da Covid 19, ha avviato processi per ridurre le spese che, nel 2021, hanno fatto registrare un surplus di 51 milioni di dollari, rispetto a un deficit previsto di 112 milioni. 

Il 15 dicembre 2022, l’Università di Harvard ha annunciato che era stata scelta come trentesima presidente. Ha assunto ufficialmente il ruolo il 1 luglio 2023. 

Quando ha ricevuto la nomina è stato detto di lei: È una leader straordinaria, profondamente dedita a sostenere e migliorare l’eccellenza accademica, difendere i valori dell’istruzione superiore e della ricerca, ampliare le opportunità e rafforzare l’università come fonte di idee e forza per migliorare il mondo. Ha apportato al suo lavoro una rara miscela di incisività e inclusività, portata intellettuale e competenza strategica, ambizione istituzionale e umiltà personale, rispetto per gli ideali e un talento per catalizzare il cambiamento. Ha un impegno fondamentale per la libera ricerca ed espressione”

 

#unadonnalgiorno

You may also like

Radia Perlman
cultura

Radia Perlman

Radia Perlman, informatica statunitense, tra le maggiori esperte mondiali di software design e ...

Comments are closed.

More in cultura

Claudia Goldin
cultura

Claudia Goldin

Claudia Goldin ha vinto il Premio Nobel per l’economia 2023  “per aver migliorato ...