culturaesempipioniere

Lorenza Carlassare

Lorenza Carlassare
Foto Roberto Monaldo / LaPresse 13-11-2016 Roma

Lorenza Carlassare, giurista e costituzionalista, è stata la prima donna in Italia a vincere una cattedra di Diritto costituzionale, fino ad allora considerata materia ‘da uomini’.

Nacque il 1º aprile 1931 a Padova dove si era laureata con lode in Giurisprudenza, risultando la migliore dell’anno. Negli anni Cinquanta ebbe un assegno da assistente straordinaria, revocato immediatamente dopo il matrimonio, decisione presa perché “una donna sposata non può avere interessi scientifici né una posizione intellettuale”.

A causa di una legge fascista del 1919 che escludeva le donne dalla magistratura, oltre che da funzioni dirigenziali nella Pubblica amministrazione, non ha mai potuto ambire a quella carriera.

Ha avuto un percorso accademico impeccabile anche se, nei primi anni si è dovuta scontrare con una rigida mentalità e pratica maschilista.

Ha insegnato all’Università di Padova, Verona e Ferrara. È stata Accademica dei Lincei, socia dell’Accademia Olimpica di Vicenza e dell’Accademia Galileiana di Scienze Lettere e Arti di Padova.

Per divulgare la conoscenza e la difesa della Costituzione, ha scritto vari libri e articoli su quotidiani e riviste.  

Tra sue opere, oltre alle pubblicazioni di carattere scientifico, figurano Conversazioni sulla Costituzione e Nel segno della Costituzione. La nostra carta per il futuro.

Ha contribuito alla redazione della Storia d’Italia Einaudi.

Per molti anni ha fatto parte attiva dell’associazione di cultura politica Libertà e Giustizia, prima nel Consiglio di Presidenza e, fino all’ultimo, come sua garante e socia onoraria.

Ha fatto parte della commissione per le riforme costituzionali istituita nella XVII legislatura per elaborare proposte di modifica della seconda parte della Costituzione. Si è dimessa l’11 luglio 2013 in polemica con la sospensione dei lavori parlamentari ottenuta dal Popolo della Libertà a seguito della fissazione dell’udienza per il ricorso in Cassazione contro la sentenza del processo Mediaset, episodio che aveva definito una “disfatta morale e un’intimidazione […] verso la Cassazione“.

Nel 2014 era stata proposta dal Movimento 5 Stelle alla presidenza della Repubblica. Nello stesso periodo ha firmato l’appello contro la candidatura di Silvio Berlusconi al Quirinale, definita “un’offesa alla dignità della Repubblica e di milioni di cittadini italiani”.

Ha condotto con dignità e estrema competenza numerose battaglie per preservare la Costituzione contro ogni tentativo di ridurla a segno dei tempi. Nel 2016, schierata contro la proposta Renzi-Boschi di riforma costituzionale ha contribuito al confronto pubblico con diversi interventi, sia in tv che sui giornali, in sostegno del No nel referendum del 4 dicembre.

Nel 2020, si è schierata per il Sì in occasione del referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari.

Aveva assunto posizioni nettamente pacifiste sul conflitto russo-ucraino, dichiarando apertamente il suo dissenso sulla partecipazione italiana alla guerra, all’impiego di armamenti e all’aumento delle spese militari approvato dal Parlamento.

Si è spenta all’età di 91 anni a Padova il 21 agosto 2022.

Lorenza Carlassare è stata definita dai colleghi una donna dal carattere indomito, intelligenza limpida e acuta e un sapere consolidato, mai sfoggiato. Una voce autorevole, libera e indipendente. 

#unadonnalgiorno

 

You may also like

Alice Diop regista francese
cinema

Alice Diop

La verità di una persona è sempre composta da proiezioni che abbiamo, questo ...

Comments are closed.

More in cultura

Lesja Ukrainka poeta ribelle ucraina
cultura

Lesja Ukrainka

Lesja Ukrainka è stata la ribelle della letteratura ucraina. Scrittrice, traduttrice, poeta e ...