esempilgbtq+scienzasfide

Lynn Conway geniale informatica licenziata dall’IBM perché transgender

Lynn Conway informatica statunitense

Lynn Conway è una delle menti più rispettate nel settore dell’informatica. Con le sue ricerche, negli anni Sessanta, ha aperto la porta ai supercomputer di oggi. Eppure, nell’agosto del 1968, appena trentenne, fu licenziata perché transgender.

Solo 52 anni più tardi le è stato chiesto pubblicamente scusa.

Lynn Conway è nata col nome di Robert nel 1938, a New York.

Lavorava alla IBM quando nel 1965 ha inventato la Dynamic Instruction Scheduling (DIS), presente in quasi tutti i moderni processori per incrementare le performance. Il sistema DIS rese possibile la creazione del primo computer superscalare che ella stessa contribuì a costruire.

Nonostante il lavoro promettente, il colosso americano dell’informatica non ha accettato la sua decisione di sottoporsi a un intervento chirurgico per risolvere «la terribile situazione esistenziale» che l’aveva perseguitata sin da bambino. Alla vigilia dell’intervento per la riassegnazione di genere, nell’agosto 1968, si ritrovò senza lavoro.

Aveva già fatto un primo tentativo fallito di transizione alla fine degli anni cinquanta. I genitori, gli insegnanti, i parenti, tutti avevano represso Robert che aveva anche tentato di conformarsi, si era anche sposato e aveva avuto due figlie. Ma la sua vera identità di genere era insopprimibile, spingendola fino al suicidio.

Nel 1967, per fortuna, si sottopose alle cure di Harry Benjamin, pioniere nel trattamento dei disturbi dell’identità di genere, e completò il suo percorso di transizione con la riassegnazione chirurgica di sesso.

Dopo aver perso il suo lavoro all’IBM venne abbandonata da famiglia, amici, colleghi, le fu impedito di vedere le figlie.

Ma era dotata di una straordinaria intelligenza che le ha permesso di ricominciare da zero, lavorando come programmatrice a contratto. Per paura di rivivere l’esperienza umiliante del licenziamento all’IBM, non rivelò la propria transessualità.

Nel 1973 entrò al Centro di Ricerca Xerox di Palo Alto (PARC) per lavorare sul VLSI design. In quegli anni scrisse con Carver Mead Introduction to VLSI Systems, un lavoro fortemente innovativo destinato a diventare il punto di riferimento per migliaia di progettisti di chip.

Nei primi anni ottanta Lynn Conway ha lavorato per il DARPA e nel 1985 è diventata professoressa emerita di ingegneria elettrica all’Università del Michigan; nel 1989 è stata eletta alla National Academy of Engineering per i risultati ottenuti nel VLSI design.

Prima dell’operazione tutti mi dicevano che sarei impazzita, o morta, o finita in manicomio. Avevano torto. Ho vissuta una bella vita. Sono felice, e sono anche riuscita a fare del lavoro importante e produttivo.

Lynn Conway è sposata dal 2003 con un collega della Michigan University, da tempo si è riconciliata anche con le figlie e il resto della sua famiglia.

La sua vicenda è venuta a galla quando qualcuno all’IBM ha cominciato a indagare che fine aveva fatto la ricerca sui circuiti integrati di elevata complessità che proprio lei aveva iniziato negli anni Sessanta e che poi era stata sviluppata altrove.

Solo allora Lynn Conway ha deciso di venire allo scoperto raccontando tutto. In poco tempo il suo nome è diventato un simbolo nella lotta per i diritti della comunità lgbtq+ per la quale si è impegnata attivamente.

Soltanto in età avanzata, ha ricevuto numerosi premi sia per il suo lavoro da pioniera dell’informatica che per la sua lotta per la parità dei diritti.

E finalmente anche la IBM ha ammesso in pubblico il grande errore commesso 52 anni fa.

Lynn ha accettato il riconoscimento, rifiutandosi di criticare la dirigenza del passato, perché, ha spiegato che «andare indietro a incolpare la gente non fa che dividerci e creare una sofferenza inutile». Da gran signora che è, ha preferito dire che il benvenuto che aveva ricevuto l’aveva fatta sentire come se stesse «tornando a casa».

I testi che ha scritto e le ricerche che ha fatto alla Memorex, la Xerox, il Dipartimento della Difesa e all’Università del Michigan hanno contribuito a cambiare per sempre la microelettronica, gli strumenti che usiamo e le nostre vite.

 

#unadonnalgiorno

 

 

You may also like

Marie Equi medica statunitense
attivismo

Marie Equi

Marie Equi è stata una medica statunitense, una delle prime nel paese, che ...
Lea Garofalo
esempi

Lea Garofalo

Una storia dolorosa quella di Lea Garofalo, che ha osato ribellarsi al sistema ...

Comments are closed.

More in esempi