arteattualità

Rebecca Salter prima donna a dirigere la Royal Academy of Arts di Londra

Rebecca Salter è la prima donna nominata a dirigere la Royal Academy of Arts di Londra, dopo 251 anni di dirigenza maschile.

Rebecca Salter è la prima donna nominata a dirigere la Royal Academy of Arts di Londra, fondata nel 1768 da Re Giorgio III per promuovere le arti, dopo ben 251 anni di dirigenza maschile.

È una studiosa appassionata del Giappone, dove ha vissuto per sei anni, nonché un’affermata artista che predilige l’incisione.

La sua nomina ha ricevuto l’approvazione dalla Regina Elisabetta II.

Fino al 2016 era stata Associate Lecturer al corso di incisione del Camberwell College of Art di Londra.

Da artista, Salter espone a Londra e all’estero: risale al 2011 la grande retrospettiva allo Yale Center for British Art in Connecticut.

È stata eletta Royal Academician nel 2014 nella categoria Incisori, e nel 2017 è diventata “Keeper” della Royal Academy con la responsabilità di guidare le scuole dell’Accademia.

“Sono così onorata di essere stato eletta Presidente della Royal Academy, ha dichiarato, un luogo modellato da artisti e architetti. Questo è un momento straordinariamente emozionante per diventare Presidente dopo la recente espansione in occasione 250esimo anniversario dalla sua nascita. Non vedo l’ora di lavorare con i miei colleghi, il nostro staff e i nostri numerosi sostenitori per aiutare la Royal Academy a evolversi mantenendo l’arte, l’architettura e il dibattito al centro di ciò che facciamo”.

#unadonnalgiorno

You may also like

Mj Rodriguez
attualità

MJ Rodriguez

MJ Rodriguez, attrice e cantante statunitense,  prima donna transgender nominata agli Emmy Awards ...
Dora Maar
arte

Dora Maar

Dora Maar è stata una fotografa, poeta e pittrice.  Nata col nome di ...

Comments are closed.

More in arte

Annie Leibovitz
arte

Annie Leibovitz

Quando dico che voglio fotografare qualcuno, significa, in realtà, che vorrei conoscere qualcuno, ...
arte

Francesca Woodman

La cosa che mi interessava di più era la sensazione che la figura, più che ...