Ispirazioniscienzastoria

Vera Rubin, l’astronoma che ha scoperto la materia oscura

Vera Rubin, la signora delle stelle, ha scoperto la materia oscura

Vera Rubin, pioniera nello studio della rotazione delle galassie, è l’astronoma che, nel 1974, ha scoperto la materia oscura, quella componente invisibile e misteriosa che occupa il 25% dell’universo,

Nacque come Vera Cooper a Philadelphia il 23 luglio 1928 da genitori ebrei. Ebbe, sin da piccola, una grande passione per le stelle, a 14 aveva già costruito il suo primo telescopio fatto in casa, aiutata dal padre, ingegnere che la incoraggiava nella sua voglia di conoscenza.

Dopo il liceo, decisa a studiare astronomia, presentò invano domanda all’Università di Princeton che non ha ammesso nessuna donna fino al 1975.

Studiò alla Cornell University dove conobbe Robert Rubin, studente di chimica, che sposò, ancora studentessa, nel 1948. Tre anni dopo, era già mamma, quando si laureò.

Lo studio del moto delle galassie la assorbì intensamente.

La sua ricerca per il dottorato alla Georgetown University dimostrò che le galassie non sono casualmente distribuite ma esistono dei raggruppamenti che oggi chiamiamo “ammassi”. Questo lavoro fu a lungo ignorato dalla comunità scientifica.

Tempo dopo, il Washington Post intitolava: «Una giovane mamma scopre il centro della creazione studiando il moto delle stelle».

Nel 1965, lavorava al Dipartimento di Magnetismo Terrestre della Carnegie Institution di Washington quando incontrò Kent Ford che aveva realizzato uno spettrometro in grado di studiare con grande precisione la radiazione elettromagnetica proveniente da piccole regioni di una galassia e non dalla galassia intera come era stato possibile fare fino a quel momento con gli strumenti dell’epoca. Insieme si dedicarono a misurare la velocità delle stelle nelle galassie a spirale fino ad arrivare a fornire la prima evidenza diretta dell’esistenza della materia oscura.

La scoperta le consentì di ottenere una posizione di rilievo nell’ambiente scientifico e il rispetto dei colleghi che avevano sempre diffidenza nei suoi confronti.

In tutta la sua vita, Vera Rubin ha faticato molto a diventare un’astronoma rispettata a causa dei forti pregiudizi nei confronti delle donne in ambito scientifico.

Il suo lavoro, assieme alla sua ostinazione e volontà, le ha permesso di farsi strada in un ambiente che le era molto ostile.

Pioniera nel campo, è stata la prima donna a cui è stato consentito di utilizzare la strumentazione dell’osservatorio del Palomar nel 1965, e la seconda donna eletta alla National Academy of Science, nel 1981. Numerosi i premi e le medaglie con cui è stata insignita per il suo lavoro.

Chiamata la signora delle stelle è stata una fonte di ispirazione per molte donne che hanno abbracciato la carriera scientifica. 

Ha lasciato la terra il 25 dicembre 2016 a Princeton dopo una lunga vita in cui ha dovuto conciliare la ricerca col suo ruolo di madre di quattro figli e figlie.

Il Carnegie Institute ha creato una borsa di studio post-doc a lei intitolata, la American Astronomical Society ha indetto un premio che porta il suo nome, le è stato anche intitolato un crinale di Marte e un asteroide, il 5726 Rubin.

Vera Rubin da astronoma è riuscita a osservare l’universo senza preconcetti aprendo un nuovo, inaspettato e affascinante punto di vista. Da donna è riuscita a superare con ostinazione pregiudizi e difficoltà e ispirare tante scienziate. 

 

#unadonnalgiorno

You may also like

Galina Ulanova
danza

Galina Ulanova

Galina Ulanova è stata una danzatrice sovietica, una delle rarissime al mondo a ...
Odette Brailly
storia

Odette Brailly

Odette Brailly è stata la più famosa agente dei servizi segreti britannici durante ...
Maria Giudice è stata socialista giornalista tra le prime sindacaliste e femministe italiane
esempi

Maria Giudice

Maria Giudice è stata  tra le prime sindacaliste e femministe italiane, socialista, giornalista, ...

Comments are closed.

More in Ispirazioni