arteculturafemminismi

Griselda Pollock

Griselda Pollock

Griselda Pollock è una storica dell’arte e sociologa di studi femministi postcoloniali internazionali nelle arti e nella cultura visiva.

Il suo lavoro è concentrato sulle opere e sulle vite delle artiste, spesso dimenticate o poco riconosciute dalla storia dell’arte tradizionale. Ha esaminato l’interazione fra le categorie sociali di genere, classe e razza, ricercando dettagliatamente il rapporto fra esse, la psicoanalisi e l’arte, attingendosi al lavoro di teorici culturali francesi come Michel Foucault.

Nel 2020 è stata insignita del Premio Holberg “per i suoi contributi rivoluzionari alla storia dell’arte femminista e agli studi culturali“.

Nata l’11 marzo 1949, come Griselda Frances Sinclair Pollock a Bloemfontein, in Sud Africa, è cresciuta in Canada. Si è poi trasferita in Gran Bretagna dove ha studiato Storia moderna a Oxford e Storia dell’arte europea al Courtauld Institute of Art di Londra. Nel 1980 ha conseguito un dottorato di ricerca con uno studio su Vincent van Gogh e l’arte Olandese:  una lettura delle sue nozioni di “moderno”.

Ha insegnato in diverse istituzioni, tra cui il College of Art di Leeds e il Courtauld Institute of Art, dove ha conseguito la cattedra di storia dell’arte.

Sin dal 1977 è considerata una delle più influenti studiose di arte moderna e d’avanguardia, arte postmoderna e arte contemporanea.

Nel 2001 è diventata direttrice del Center for Cultural Analysis, Theory and History presso l’Università di Leeds. Nel 2019 ha ricevuto un dottorato onorario dal Courtauld Institute e uno dall’Accademia d’Arte Estone.

Griselda Pollock ha contribuito a riscrivere la storia dell’arte, analizzando le opere da una prospettiva femminista che ha messo in luce i pregiudizi di genere. Ha esplorato il concetto di visione maschile nell’interpretazione e nella rappresentazione delle opere d’arte.

Tra le sue opere più note c’è il libro Old Mistresses: Women, Art, and Ideology, in cui ha indagato la rappresentazione delle donne nell’arte e come questa rappresentazione sia stata plasmata dai contesti sociali e culturali. Ha scritto ampiamente su artiste del passato portandone alla luce storie e contributi artistici.

Oltre al lavoro accademico, è stata una figura chiave nell’istituzione di programmi di studi di genere nell’arte e nella teoria femminista ed è tra le fondatrici della rivista Feminist Review.

Ha sviluppato una serie di concetti con cui teorizzare e praticare interventi femministi critici nelle storie dell’arte: vecchie amanti, visione e differenza, mosse d’avanguardia, generazioni e geografie, differenziazione del canone e, recentemente, il museo femminista virtuale.

Ha fondato e dirige il Center for Cultural Analysis, Theory and History presso l’Università di Leeds, progetto intra disciplinare che collega belle arti, storia dell’arte e studi culturali attraverso temi condivisi fra classe, genere, sessualità, critica post coloniale e teoria queer.

#unadonnalgiorno

You may also like

Theresa Goell
cultura

Theresa Goell

Theresa Goell è stata l’archeologa che ha infranto barriere culturali e di genere ...
Edina Altara
arte

Edina Altara

Edina Altara, poliedrica artista sarda del ventesimo secolo, è stata pittrice, ceramista, creatrice di ...

Comments are closed.

More in arte

Hannah Hoch
arte

Hannah Höch

Hannah Höch è stata l’artista che ha dato voce e immagine alla critica ...
Su Yang
arte

Su Yang

Le donne non dovrebbero soffrire in nome della bellezza. Vedo queste ideologie come ...
Anna Maria Maiolino
arte

Anna Maria Maiolino

“Fortunatamente per mezzo dell’arte possiamo sovvertire repressioni e conflitti. Sovvertire nel senso di ...